Recensione Crescent City La casa di terra e sangue di Sarah J. Maas
Recensioni Libri

Crescent City La casa di terra e sangue di Sarah J. Maas

Ciao Readers e bentornati sul blog. Dopo l’articolo dedicato alle uscite del mese di aprile, oggi vi parlo della mia ultima lettura Crescent City La casa di terra e sangue di Sarah J. Maas, edito da Mondadori. Quale giorno migliore, poi, se non pubblicarla il giorno dell’uscita del secondo romanzo della serie?

crescent city la casa di terra e sangue di sarah j. maas (copertina)

Cartaceo: 19.90 € E-book: 9.99 €
Acquistalo su Amazon

Ventitré anni, mezza Fae e mezza umana, Bryce Quinlan ha una vita perfetta: di giorno lavora in una galleria d’arte e di notte passa da una festa all’altra, senza problemi e senza preoccupazioni. Quando però una brutale strage scuote profondamente Crescent City, la città in cui vive, e Bryce perde una persona a lei molto cara, il suo mondo crolla in mille pezzi lasciandola disperata, ferita e molto sola. Adesso non cerca più il divertimento, ma un oblio in grado di farle dimenticare i terribili fatti che hanno cambiato la sua vita per sempre.

Due anni dopo l’imputato è finalmente dietro le sbarre ma i crimini ricominciano e Bryce è decisa a fare tutto il possibile per vendicare quelle morti. Ad affiancarla nelle indagini arriva Hunt Athalar, un famoso angelo caduto, prigioniero degli arcangeli che lui stesso aveva tentato di detronizzare. Le sue grandi capacità e la sua forza incredibile sono utilizzate all’unico scopo di eliminare i nemici del suo capo. Quando però si scatena il caos in città, Hunt riceve una proposta irrinunciabile: aiutare Bryce a trovare l’assassino e riconquistare, in cambio, la sua libertà.

Quando Bryce e Hunt cominciano a scavare in profondità nel ventre di Crescent City, scoprono un potere terrificante e oscuro che minaccia tutto e tutti, e vengono travolti da una passione irrefrenabile, che potrebbe renderli entrambi liberi, se solo lo volessero. Il dolore della perdita, il prezzo della libertà e il potere dell’amore sono i temi principali de “La casa di terra e sangue”, il primo romanzo di questa serie fantasy di Sarah J. Maas, che mescola romanticismo e suspense.

♦♦♦

Inizio questa recensione facendo una grandissima premessa. Della Maas io ho letto, fino ad ora, solamente Una corte di rose e spine alcuni anni fa e ho dei bei ricordi legati a quel libro (anzi voglio assolutamente riprendere questa serie). Diciamo che ero abituata allo stile dell’autrice ma non a quello che ho trovato in Crescent City La casa di terra e sangue. Perché dico questo? Perché per buona parte del romanzo ho avuto come la sensazione di essere stata buttata in una centrifuga alla massima potenza.

L’autrice ha costruito un ottimo worldbuilding ma, secondo me, non è riuscita a catalizzare l’attenzione fin da subito. Ci troviamo nel mondo moderno dove ormai creature di ogni tipologia vivono l’una accanto all’altra.

Leggendo la trama sembrerebbe un susseguirsi di fatti abbastanza comuni e già visti all’interno di altri romanzi ma è il modo in cui questi fatti vengono raccontati che mi hanno portato a rallentare molto la lettura. La Maas ha davvero tantissima immaginazione e ha tanto da raccontare ma il mix tra fantasy, mistery e romance ha dato vita a un romanzo troppo prolisso sotto molti aspetti. Tante descrizioni e alcune parti, per me, potevano essere tagliate per rendere più fluida la storia.

Mi sono reso conto che era la strada sbagliata. Ma io e te, Bryce… Tu sei la persona che voglio accanto. Desidero passare la mia vita con te. Sei tu il mio destino, maledizione.

Il romanzo, infatti, conta settecento pagine (non sono poche) e le prime trecento pagine sono un susseguirsi di presentazioni di vari personaggi e di accadimenti abbastanza confusi. Ovviamente la linea narrativa ha un filo logico ma, all’inizio, ho fatto veramente fatica a seguirlo. Ho cercato, fino alla fine, di capire dove volesse portarmi l’autrice. C’è da dire, però, che tutti gli elementi trovano poi il loro punto comune per arrivare a un finale ricco di sorprese e colpi di scena.

Crescent City La casa di terra e sangue di Sarah J. Maas (fan art)
Fonte: Pinterest

Ho ritrovato alcuni elementi che nel primo romanzo delle Corti mi erano piaciuti. Per spiegarmi meglio, l’autrice non si concentra solamente su due protagonisti, in questo caso Hunt e Bryce, ma la sua voglia di rendere il romanzo corale ha sicuramente dato maggiore rilievo anche a personaggi secondari che sono sicura ritroveremo nel secondo romanzo della serie.

Questo è il senso della vita, Bryce. Vivere, amare, sapere che potrebbe sparire tutto domani. Rende ogni cosa molto più preziosa.

I personaggi principali, comunque, li ho apprezzati e li ho amati entrambi. Sono affascinanti, ricchi di mille sfaccettature caratteriali e si completano a vicenda. È una di quelle rare volte che mi trovo in difficoltà nella scelta del mio personaggio preferito. Entrambi hanno tanto da raccontare e tanto da dimostrare al resto del mondo. Hunt è un angelo caduto ma ha un cuore grande. È il supporto e l’altra metà della mela di Bryce. Lei è completamente diversa, mezza Fae e mezza umana, con un carattere forte e quasi difficile da smussare.

Crescent City La casa di terra e sangue è un romanzo che ha tanti difetti, è vero, ma che ha delle potenzialità davvero enormi. Mi aspetto un cambio di rotta nel seguito… Arriverà? Non vi resta che scoprirlo nella recensione che uscirà giovedì dedicata proprio a Crescent City La casa di cielo e aria.

voto 3/5

error: Content is protected !!