booklife
Book Life,  Rubriche

I generi letterari

Readers siamo arrivati al secondo appuntamento della rubrica #BookLife. Questa volta è dedicato ad un argomento molto interessante per tutti i lettori, ossia quello dei generi letterari.

Ma che cos’è un genere letterario?

Il genere letterario non è altro che una categoria della scrittura. Esistono tre grandi macro-categorie, che sono poesia, teatro e prosa. Quello che farò io oggi sarà quello di fare un’analisi generale della macro-categoria della prosa, relativa alla narrativa, quindi romanzi.

Avventura

Il romanzo d’avventura nasce nel XVIII secolo in Inghilterra e narra di viaggi in terre lontane. Tra i tantissimi autori si ricordano Jules Verne, Daniel Defoe, Emilio Salgari, Robert Louis Stevenson, Mark Twain e Herman Melville.

viaggio al centro della terra

Storico

È un genere letterario ambientato in un epoca passata per far rivivere al lettore epoche passate. Ebbe la sua maggiore diffusione nell’Ottocento e, in Italia, tra i primi precursori del genere vi fu Alessandro Manzoni con I promessi sposi.

Giallo

Il giallo è un tipo di narrativa di consumo, ossia in in favore del pubblico, sviluppatasi intorno al Novecento. Il tema principale di questo genere è la descrizione di un crimine e dei soggetti coinvolti. Appartengono al giallo i sottogeneri del thriller, il poliziesco, lo spionaggio e il noir.
La nascita del giallo sembrerebbe risalire alla pubblicazione del romanzo I delitti della via Morgue di Edgar Allan Poe, nel 1841.

Letteratura per bambini e ragazzi

Tra le categorie è sicuramente quella che raccoglie il maggior numero di generi letterari, tra cui: romanzi, biografie, fiabe e poesie. Queste si suddividono in opere pensate per la lettura da parte di ragazzi, opere adatte ai minori e opere apprezzate dai ragazzi. Il “Premio Andersen”, che dal 2011 in Italia ha assunto un’importanza rilevante, rappresenta il riconoscimento italiano nel campo della letteratura per l’infanzia. Sono esempi di questo genere: le Favole di Hans Christian Andersen, Le avventure di Pinocchio di Carlo Collodi, La Fabbrica di Cioccolato di Roald Dahl, Il libro della giungla di Rudyard Kipling, l’intero ciclo di Piccole Donne di Louisa May Alcott e tanti altri.

piccole donne

ACQUISTA

Rosa & Erotico

Il romanzo rosa, o romance, è un genere amato soprattutto dalle lettrici che amano le storie d’amore e, solitamente, hanno sempre un lieto fine. Questa tipologia di romanzi hanno una struttura molto simile alle fiabe. È impossibile non ricordare i famosi romanzi della casa editrice Harmony che hanno accompagnato le nostre mamme nel corso degli anni.
La Newton Compton Editori, casa editrice romana, è ormai da qualche anno specializzata in questo genere letterario. Tra le sue autrici di punta troviamo sicuramente Felicia Kingsley e Anna Premoli.

Diversa, invece, è la letteratura erotica, la quale tratta esplicitamente temi legati alla sessualità e all’amore fisico. Già ai tempi dell’Antico Egitto era possibile trovare racconti erotici. Un esempio è proprio il “Papiro erotico”, conservato al Museo Egizio di Torino.

Fantasy, Fantascienza e Horror

Il fantasy è un genere letterario che si è sviluppato tra il XIX e il XX secolo i cui elementi predominanti sono il soprannaturale, il mito, il surreale e l’immaginazione. Elementi che non hanno spiegazione scientifica. Il fantasy si suddivide a sua volta in due grandi filoni: l’high fantasy e il low fantasy.

L’epic fantasy ha la caratteristica di essere ambientato in un mondo immaginario i cui elementi caratterizzanti sono i regni fatati, maghi e una dicotomia tra bene e male. In parte è stato ispirato alla mitologia norrena. Un esempio di epic fantasy è Il signore degli Anelli di John R.R. Tolkien. Il low fantasy è, invece, l’opposto dell’epic fantasy in quanto si verificano eventi magici in situazioni di normalità. Tipico rappresentante di questa categoria è lo scrittore statunitense H.P. Lovercarft.

il signore degli anelli
© John Howe

La fantascienza è un’altra grande categoria, dei generi lettarari, che ha avuto successo nel Novecento. Ha come tema fondamentale l’impatto di una scienza, o di una tecnologia, sulla società rappresentata, ad esempio, da alieni e cyborg. La storia può essere ambientata in qualsiasi periodo, ma frequentemente, tutto avviene nel futuro. Tra gli autori di maggior rilievo troviamo Jules Verne, Isaac Asimov, e Philiph K. Dick.

L’horror, infine, è tra i generi letterari che tende a suscitare nel lettore sensazioni di paura e repulsione. Mescola elementi soprannaturali ed elementi di quotidiana realtà. La tipica caratteristica di un romanzo, o racconto, horror è quella di alimentare la paura per la morte, per il buio o per l’ignoto. Sicuramente, tra gli autori più famosi, è impossibile non pensare ai romanzi di Stephen King, come IT, Misery o Shining.

Romanzi di formazione

Questa tipologia racchiude quei romanzi dove l’evoluzione del protagonista è il tema principale della storia. Esempi di romanzi di formazione sono I dolori del Giovane Werther di Johann Wolfgang von Goethe. Il genere è tipico della narrativa tedesca, ma ha avuto un grande sviluppo anche in Francia con lo scrittore, musicista e filosofo svizzero Jean-Jacques Rousseau.

Umoristico

Caratteristica principale di questo genere letterario è quella di enfatizzare la realtà, facendone una vera e propria parodia. Un pilastro del romanzo umoristico è sicuramente Luigi Pirandello con Il fu Mattia Pascal, dove il protagonista scopre di essere creduto morto da coloro che conosce. È sicuramente un romanzo umoristico con elementi comici e drammatici.

Epistolare

I romanzi epistolari sono caratterizzati dalla presenza di lettere. Lo svolgimento è, quindi, lasciato ai personaggi. Esempio dei nostri tempi è l’autrice Cecelia Ahern con il romanzo Scrivimi ancora, dal quale è stato tratto anche il film Love, Rosie con Sam Claflin (William Traynor in Io prima di te) e Lily Collins (Clary Fray in Shadowhunters – Città di ossa).

love, rosie
Sam Claflin e Lily Collins in una scena del film “Love, Rosie”
Psicologico

Il romanzo psicologico, tra i generi letterari, è quello dove protagonista delle storia sono i sentimenti e le emozioni dei protagonisti. Questi, infatti, non hanno una precisa identità e non sono in grado di esprimere un loro punto di vista. Nasce tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento. Tra i principali autori del romanzo psicologico troviamo Italo Svevo con La coscienza di Zeno, Luigi Pirandello con Uno, nessuno, centomila.

error: Content is protected !!